Prima del tuffo: perchè e come fare merenda


Pomeriggio. Manca pochissimo all'uscita dal lavoro. Una manciata di minuti ti separa dal tuo quotidiano allenamento in vasca. Senti uno strano vuoto a livello addominale: hai fame. Cosa fare? Rinunciare all'allenamento per riempire la pancia con un aperitivo? Ignorare il proprio corpo e tuffarsi nell'allenamento?

Niente di tutto questo. La soluzione, come spesso succede, sta nel mezzo. Durante il pomeriggio infatti, è consigliabile concedersi uno spuntino che ricarichi le nostre batterie messe a dura prova dal lavoro e ci consenta di arrivare in acqua pronti e pieni di energia. Resta però la domanda: cosa è meglio mangiare in queste situazioni?

Innanzitutto, meglio mangiare almeno un'ora e mezza prima dell'allenamento evitando cibi pesanti. C'è bisogno di avere un equilibrato apporto di carboidrati, fibre e proteine. Se proprio lo spuntino non riuscite a farlo: circa 15 minuti prima di tuffarvi, mangiate una manciata di frutta secca o una banana. Vi garantiranno le energie sufficienti ad allenarvi senza andare in difficoltà

Volete qualche suggerimento pratico? Eccoli qua:

1. Una banana e una manciata di uvetta secca

2. Uno yogurt con cereali

3. Un toast con prosciutto cotto (evitare il formaggio che appesantisce)

4. Una piccola omelette fatta di soli albumi d'uovo e una mela

5. Frullato di frutta, con un cucchiaio di fiocchi d'avena ricca di proteine